Telepass e A4 Holding: grazie al telepedaggiamento 3.350 tonnellate di co2 in meno

telepass e a4
Torna alla pagina precedente
04 giu 2021
TEMPO DI LETTURA: 1 minuto
Le società del Gruppo Atlantia, Telepass, leader europeo nel servizio di telepedaggiamento, e A4 Holding, società concessionaria delle autostrade A4 Brescia Padova e A31 Valdastico controllata da Abertis, hanno collaborato per uno studio sulla mobilità sostenibile.

Le società del Gruppo Atlantia, Telepass, leader europeo nel servizio di telepedaggiamento, e A4 Holding, società concessionaria delle autostrade A4 Brescia Padova e A31 Valdastico controllata da Abertis, hanno collaborato per uno studio sulla mobilità sostenibile.
L’analisi, commissionata ai professori Giovanni Vaia e Raffaele Pesenti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha quantificato la riduzione di emissioni inquinanti grazie  all’utilizzo di piste Telepass che evitano la fermata dei veicoli per il ritiro e il pagamento del biglietto autostradale, prendendo in analisi una delle tratte più trafficate d’Italia e d’Europa, la A4 Brescia-Padova: 146 km di autostrada con una media di 95.000 veicoli giornalieri e  oltre 50 milioni di veicoli mediamente transitati per anno in periodi pre Covid.
La ricerca ha applicato un apposito modello matematico-scientifico sviluppato dal team accademico e ha calcolato un risparmio di ben 3.350 tonnellate di CO2 nel 2019 evitate grazie all’uso delle barriere Telepass (2.880 tonnellate di CO2 nel 2020).  Traducendo questo dato in termini di viaggi in auto da Roma a Milano, il risparmio corrisponde a più di 35.000 viaggi, ovvero a circa 1.500.000 litri di benzina, con un enorme vantaggio per l’ambiente ma anche per le persone in termini di inquinamento acustico, congestioni stradali e costi correlati.