Thiago Fernandino Ribas

TAGS: Lifeatatlantia

TEMPO DI LETTURA: 3 minuti

Nome: Thiago Fernandino Ribas
Squadra: Ancillary Revenues, Abertis
Nickname: The Company-Market bridge

Thiago Fernandino Ribas

Raccontaci il tuo percorso

Sono entrato nel gruppo nel 2012, in Brasile, più precisamente in Arteris che qualche anno dopo sarebbe diventata una delle nostre attuali controllate. Arteris è una delle maggiori aziende nel settore delle strade a pedaggio in termini di chilometri gestiti del mercato brasiliano ed è stata acquisita da Abertis nel 2015. Dopo l’acquisizione, Arteris non è più stata quotata in borsa e la divisione Investor Relations di Abertis mi ha invitato a far parte del suo team in Spagna. 
È stata una grande opportunità per la mia carriera grazie a cui sono potuto entrare in contatto con i mercati europei e condividere con la comunità finanziaria la strategia e l’equity story di Abertis a livello globale. Inoltre, lavorando presso la sede centrale del Gruppo, sto sviluppando la conoscenza dei nostri asset in Spagna, Francia, Italia e America Latina ampliando così la mia rete di contatti con nuovi investitori e analisti finanziari che si occupano del settore infrastrutturale.
Successivamente, verso la fine del 2018, Atlantia ha acquisito Abertis e mi sono trovato di nuovo coinvolto in un’altra operazione di trasformazione importante del nostro settore. Con quest’acquisizione Atlantia ha consolidato la sua posizione come azienda leader delle infrastrutture a livello globale, in particolare nel settore autostradale. 
Quello che posso dire è che fino a questo punto il mio percorso è stato veramente valido e successivamente Atlantia mi ha invitato a trasferirmi in Italia, a Roma, per entrare a far parte della squadra delle Investor Relations nel 2019.
Gli anni appena trascorsi in Atlantia sono stati ricchi di sfide e nuove scoperte. Una volta di più un paese nuovo, nuove relazioni, occuparsi di un nuovo settore (ad esempio quello aeroportuale che per me era del tutto nuovo). Dopo questi anni incredibili in Atlantia, sono stato invitato da Abertis a tornare in Spagna e ad assumere nuove responsabilità in una nuova area che avrà il compito di incrementare i nostri ricavi ancillari (ricavi non da pedaggio) delle unità di business del gruppo.  

Che cosa ti dà il tuo lavoro?

Il mio lavoro è uno degli elementi centrali della mia vita e dopo quasi 9 anni nel Gruppo mi sento di dire che le esperienze più importanti della mia vita, sia personali che professionali, le ho vissute qui. Il mio lavoro mi ha offerto tutto il supporto e l’autonomia necessari a sviluppare le mie competenze, imparare nuove lingue, vedere il mondo da diversi punti di vista, incontrare persone affascinanti e mi ha preparato ad affrontare e vincere sfide in un ambiente in continua evoluzione. In altre parole, a diventare una persona e un professionista migliore. 

Cosa hai portato ad Atlantia e cosa ti ha portato Atlantia nel periodo in cui hai lavorato a livello di holding?

Una formazione multiculturale, la comprensione dei nostri diversi asset in mercati diversi, il che ritengo sia importantissimo in un Gruppo che comprende nel suo ambito una vasta gamma di attività molto diverse. In aggiunta, non posso non citare le relazioni che ho allacciato nell’ambito dell’organizzazione fondamentale per contattare la persona giusta, ovunque si trovi, quando mi servivano le informazioni più aggiornate direttamente dalla fonte per aiutarci a spiegare al mercato la nostra strategia, la nostra equity story e i nostri maggiori successi. Tornando ad Abertis, non porto con me solo i bei ricordi di aver lavorato con persone eccezionali, ma anche un bagaglio di conoscenze, soprattutto in materia di innovazione, sostenibilità, lavoro di squadra e una migliore comprensione del nostro settore e delle nostre aziende.

Cosa rappresenta il Gruppo Atlantia per te?

Un’azienda che risponde alle esigenze quotidiane ed esaudisce i desideri di moltissime persone in tutto il mondo. Facciamo interagire le persone grazie alle nostre strade, aeroporti e servizi per la mobilità. Accorciamo le distanze. Un’azienda che sostiene lo sviluppo delle economie tramite le infrastrutture, eliminando le strozzature logistiche e rendendo possibili gli spostamenti di persone e di merci. Un’azienda in costante trasformazione, all’avanguardia da un punto di vista tecnologico e dell’innovazione che ci semplifica la vita con soluzioni per la mobilità come il Telepass. Un’azienda con una visione per il futuro, incentrata sulla sostenibilità, che ha un ruolo importante nella lotta contro i cambiamenti climatici, la riduzione delle emissioni di CO2 e che promuove l’uso delle fonti energetiche rinnovabili. Un’azienda che contribuisce a salvare delle vite dato che riduce gli incidenti automobilistici grazie all’educazione stradale e a strade più sicure. Soprattutto, un’azienda che stimola e valorizza il talento dei suoi dipendenti, che accoglie le diversità e offre pari opportunità a tutti coloro che vi lavorano. 

Cosa rappresenta per te l'opportunità offerta da Abertis?

Uscire dalla zona di comfort e affrontare nuove sfide è sempre affascinante. Sono grato di avere l'opportunità di riorientare la mia carriera e di contribuire al gruppo in una nuova area con responsabilità completamente diverse.

Quali sono, secondo te, le principali sfide del tuo lavoro?

La prima è un'entusiasmante sfida personale, in quanto mi trasferisco in un dipartimento completamente nuovo e con un nuovo campo d'azione. Il mio obiettivo sarà quello di aiutare le filiali del gruppo ad abbracciare nuove opportunità di business che siano complementari e simbiotiche con la nostra attività principale, che è la gestione delle autostrade. Questo include il miglioramento delle aree di servizio, dei parcheggi per i camion, dei sistemi di free flow, un rapporto più stretto con i nostri utenti e l'implementazione di nuove tecnologie, come l'introduzione di stazioni di ricarica elettrica, in linea con i nostri impegni di sostenibilità e il nostro piano di azione per il clima.  

Dove vedi il Gruppo Atlantia e dove ti vedi tra 5 anni?  

Finora, il mio percorso mi ha portato ad ottenere molti risultati e ha contribuito a rendermi un professionista migliore, che cerca sempre di migliorare ed è pronto ad affrontare le fasi successive. Vedo il Gruppo Atlantia come la prima società che viene in mente quando si parla di mobilità, sostenibilità e tecnologia e, sicuramente, mi vedo coinvolto in prima persona come parte del gruppo. Essendo dotato della flessibilità per far fronte alle richieste dell’azienda ed essendo disponibile a rendermi utile per il Gruppo in qualsiasi momento sia necessario, mi posso vedere in nuovi ruoli sia qui che ovunque nel mondo. Sono certo che il futuro sarà appassionante e che il meglio debba ancora venire!

Non usiamo alcuna tecnica di profilazione degli utenti, ma solo cookies tecnici necessari al corretto funzionamento del sito e strumenti statistici. Per saperne di più leggi la nostra cookie policy.