ADR acquista 5.000 litri di carburante verde, per una riduzione tra il 60 e il 90% delle emissioni di CO2 rispetto al carburante tradizionale

biofuel
Torna alla pagina precedente
25 gen 2022
TEMPO DI LETTURA: 1 min
La nostra concessionaria Aeroporti di Roma (ADR) ha rafforzato la collaborazione con Eni per la decarbonizzazione del settore aereo e per accelerare il processo di transizione ecologica degli aeroporti, grazie all'acquisto di Biofuel che permette una consistente riduzione delle emissioni.

Dalla bioraffineria Eni di Venezia è giunto all'aeroporto di Fiumicino un carico di 5mila litri di biocarburante idrogenato HVO puro usato nei mezzi della società ADR Assistance per la movimentazione dei passeggeri a ridotta mobilità in ambito aeroportuale. L'HVO è un biocarburante di elevata qualità di origine vegetale e da scarti, prodotto attraverso la tecnologia proprietaria Ecofining™ nelle bioraffinerie Eni di Venezia e Gela, che consente di abbattere le emissioni di CO2 (calcolate lungo tutto il ciclo di vita) tra il 60 e il 90% rispetto al carburante tradizionale, in funzione della tipologia di carica biogenica. 

L'accordo tra Eni e ADR è già attivo per le forniture di carburanti sostenibili alternativi per l'aviazione (Sustainable Aviation Fuel o SAF) prodotti nella raffineria Eni a Taranto tramite processo di co-feeding, co-alimentando gli impianti convenzionali con quote allo 0,5% di oli alimentari usati e di frittura. Si tratta di un'ulteriore accelerazione di Aeroporti di Roma sul fronte della sostenibilità dopo che lo scalo di Fiumicino, primo polo aeroportuale italiano, ha ottenuto come primo aeroporto in Europa la più alta certificazione Airport Carbon Accreditation 4+ "Transition" di ACI Europe sulla riduzione di CO2.